affitta sale meeting

ricerca avanzata

Il Nostro Cartellone Culturale

Martedì 22 maggio 2018, ore 21.00 Martedì Sera - II serie 2018

UNA NUOVA ITALIA. DALLE ELEZIONI AGLI SCENARI POLITICI ATTUALI

Lunedì 28 maggio 2018, ore 15.00 Caffè Letterari - II serie 2018

RESTO QUI

Martedì 29 maggio 2018, ore 21.00 Martedì Sera - II serie 2018

DIALOGO SULL'IMMIGRAZIONE. TRA FALSI E SCOMODE VERITA'

Mercoledì 30 maggio 2018, ore 10.00 Appuntamenti del mercoledì mattina - II serie 2018

SAPORI, ERBE E AROMI: ECCELLENZE DEL PIEMONTE

Lunedì 4 giugno 2018, ore 15.00 Caffè Letterari - II serie 2018

IL CORPO

Martedì 5 giugno 2018, ore 21.00 Martedì Sera - II serie 2018

HOMO PREMIUM. COME LA TECNOLOGIA CI DIVIDE

Mercoledì 6 giugno 2018, ore 10.00 Appuntamenti del mercoledì mattina - II serie 2018

LE INSIDIE NELLE CARENZE VITAMINICHE: CAUSE, RIPERCUSSIONI E RIMEDI NELL'ADULTO

Martedì 12 giugno 2018, ore 21.00 Martedì Sera - II serie 2018

DA "LA SMORFIA" A TORINO

Mercoledì 13 giugno 2018, ore 10.00 Appuntamenti del mercoledì mattina - II serie 2018

GRAND'ITALIA. PROFILI DI ITALIANI ILLUSTRI DEL '900

Lunedì 30 ottobre, ore 15.00

GLI INNOCENTI (MONDADORI)

I Caffè Letterari - 3 ciclo 2017 

Lunedì 30 ottobre, alle ore 15.00,  Paola Calvetti, giornalista e scrittrice, presenterà “Gli innocenti edito da Mondadori. E’ un romanzo etereo, essenziale e raffinato, racconta l'amore, ma indaga anche con pudore nelle pieghe di due vite tormentate dal destino e dalla Storia e di due modi opposti di reagire alle avversità. A tempo di musica e in punta di piedi. Un dialogo muto tra i due protagonisti, Jacopo e Dasha, durante l'esecuzione del doppio concerto per violino e violoncello di Brahms. Un dialogo serrato e immaginario, i ricordi che scaturiscono assieme alle note, l'infanzia, la giovinezza, l'incontro a Parigi, la passione, l'amore, le ferite del passato che rendono impossibile il futuro insieme, la separazione. Jacopo e Dasha si sono amati per “cinque anni, sei mesi e novanta giorni", lei giovane violoncellista albanese, arrivata in Italia nel 1991 su un barcone, il sole della sua terra negli occhi, lo sguardo proiettato verso il futuro; lui, affascinante introverso violinista di fama, i capelli brizzolati, l'anima lacerata da un primo crudele abbandono, quella della madre biologica mai conosciuta, che lo affidò alla nascita all'Istituto degli Innocenti di Firenze. Jacopo e Dasha hanno trovato fin da bambini conforto nella musica, e grazie alla musica si sono incontrati e amati, ma l'incapacità di lui di affrontare il passato e il rapporto con la figura materna, sia la madre naturale, la cui identità è diventata per Jacopo un'ossessione, sia la fragile madre adottiva, non gli ha permesso di cogliere l'opportunità che la fiduciosa giovinezza di Dasha gli offriva: un futuro e una famiglia propria.  Interviene Ezio Ercole, vice presidente Ordine dei Giornalisti del Piemonte

COLLABORATORI ED ENTI PATROCINANTI