affitta sale meeting

ricerca avanzata

Il Nostro Cartellone Culturale

2 Ottobre 2018, ore 21.00 Martedì Sera III serie 2018

LE PRIME APPLICAZIONI PRATICHE DELLA BLOCKCHAIN DOPO I BITCOIN

9 Ottobre 2018, ore 21.00 Martedì Sera III serie 2018

MENTI INSOLITE. RADIOGRAFIA DI CINQUE FEMMINICIDI

16 Ottobre 2018, eccezionalmente ore 18.00 Martedì Sera III serie 2018

BELLA ZIO

23 Ottobre 2018, eccezionalmente ore 19.00 Martedì Sera III serie 2018

ITALIA-EUROPA: QUALE FUTURO ECONOMICO-POLITICO?

Martedì 23 ottobre 2007 - ore 10.00

Diabete

 

giovedì Nel diabete di tipo 1, che necessita sempre del trattamento insulinico, le principali novità riguardano l’ampliamento del numero degli analoghi dell’insulina, che oggi possono contare su 3 prodotti ad azione rapida e di 2 ad azione protratta, mentre si è in attesa dell’entrata in commercio dell’insulina per via inalatoria. Non è invece cambiato il panorama per quanto riguarda le indicazioni al trapianto di rene, rene-pancreas, pancreas isolato o insule. Verranno infine accennate le novità relative alla strumentazione per il controllo glicemico e per la somministrazione. insulinica.
Nella terapia del diabete tipo 2 sono stati confermati i buoni risultati dell’approccio comportamentale. Sono in discussione le recenti segnalazioni di rischio nell’uso dei nuovi farmaci noti come glitazoni che suggeriscono una più attenta valutazione clinica prima della loro prescrizione. Sono in procinto di essere immessi in commercio in Italia altri farmaci con meccanismo d’azione del tutto diversi dai precedenti antidiabetici orali, come gli inibitori del DPP-4 o gli analoghi del GLP-1, per i quali i dati clinici sperimentali sono al momento limitati. Verrà fatto un accenno al problema della chirurgia dell’obesità associata a diabete
Il ruolo della Farmacia quale presidio d’informazione e di educazione sanitaria è fondamentale nel caso di malattie croniche quali il diabete, in cui è essenziale un continuo contatto con il paziente; alla farmacia infatti il paziente si può rivolgere o per controllare la glicemia o per una consulenza competente sulle misurazioni effettuate a casa propria con gli strumenti in dotazione ai pazienti medesimi.
Inoltre più volte la rete delle Farmacie del Piemonte ha promosso “screening” di massa gratuiti per tutta la popolazione, offrendo la possibilità di misurare gratuitamente la glicemia. I risultati di questi screening sono stati molto interessanti e hanno permesso di evidenziare casi di diabete che il paziente ignorava, con il conseguente invio alle strutture specialistiche; non solo, ma i risultati hanno fornito interessanti valutazioni sulla distribuzione territoriale dei casi, noti o emersi, di diabete, riconducibili allo stile di vita e ai costumi alimentari delle varie zone. Grazie a queste iniziative in Farmacia è stato possibile instaurare un dialogo sull’importanza di un corretto stile di vita e di una corretta alimentazione, sia a scopo preventivo, sia in presenza di valori glicemici “border-line” che venivano ovviamente indirizzati al diabetologo ma che, come prima istanza, richiedevano un’applicazione piuttosto rigida di un corretto regime alimentare.
Oltre alle informazioni di carattere prettamente sanitario e professionale, in Farmacia il paziente può trovare informazioni sulle modalità di prescrizione dei presìdi per l’automisurazione e per la terapia: dalle strisce reattive, alle penne o gli aghi per la somministrazione dell’insulina, alle terapie con ipoglicemizzanti orali (normative vigenti, possibilità di ticket ridotto, ecc...) e indicazioni sul corretto uso dei farmaci prescritti e sulle interazioni o interferenze con altre terapie in atto.
uest’ultimo aspetto riveste un’importanza particolare proprio nel caso del paziente diabetico, che deve quotidianamente assumere farmaci ipoglicemizzanti; tale paziente poi presenta sovente altre alterazioni metaboliche o problemi ipertensivi che a loro volta richiedono trattamenti continuativi con farmaci: e qui il ruolo del farmacista interviene a pieno titolo in presenza di richieste di farmaci di automedicazione, che per lo più vengono intesi come terapie di grande maneggevolezza e sicurezza, mentre sono da valutare con attenzione in ogni caso e specialmente in coloro che assumono quotidianamente farmaci per le malattie croniche.
Incontro con Gianfranco Pagano, Professore Ordinario di Medicina Interna dell'Università di Torino e Direttore S.C. medicina generale 3 A.S.O. San Giovanni Battista di Torino, Elisabetta Pisu, Dirigente medico I Liv., S.C. medicina generale 3 A.S.O. San Giovanni Battista di Torino e Paolo Prino, Segretario Associazione Titolari di Farmacia della Provincia di Torino