affitta sale meeting

ricerca avanzata

Il Nostro Cartellone Culturale

Mercoledì 14 novembre 2018, ore 10.00 Appuntamenti del mercoledì mattina III serie 2018

UN CHIRURGO DEL '900

Lunedì 19 novembre 2018, ore 15.00 Caffè Letterari III serie 2018

IL GRANDE GUALINO. VITA ED AVVENTURE DI UN UOMO DEL NOVECENTO

Martedì 20 novembre 2018, ore 21.00 I Martedì Sera IV serie 2018

SO CHE UN GIORNO TORNERAI

Martedì 20 novembre 2018, ore 18.00 Eccellenze del made in Italy 2018

ALTEA FEDERATION e WITT ITALIA GROUP

Mercoledì 21 novembre 2018, ore 10.00 Appuntamenti del mercoledì mattina III serie 2018

L'ACQUERELLO IN PIEMONTE

Martedì 27 novembre 2018, ore 21.00 I Martedì Sera IV serie 2018

L'ITALIA DEI NARCOPADRINI

Martedì 27 novembre 2018, ore 18.00 Eccellenze del made in Italy 2018

FINDER SPA e GRUPPO COMOLI E FERRARI

Mercoledì 28 novembre 2018, ore 10.00 Appuntamenti del mercoledì mattina III serie 2018

IERI, OGGI E DOMANI LE ROI DANCING NEL MONDO (ART DESIGN CARLO MOLLINO)

Martedì 4 dicembre 2018, ore 18.00 Eccellenze del made in Italy 2018

GIOBERT SPA e SPARCO

Martedì 4 dicembre 2018, ore 21.00 I Martedì Sera IV serie 2018

SERGIO MARCHIONNE. LA STORIA DEL MANAGER CHE HA SALVATO LA FIAT E CONQUISTATO CHRYSLER

Lunedì 13 ottobre 2008 - ore 21.15

La svolta della grande guerra

Torino, 2000 anni - Autunno 2008 

giovedì La prima guerra mondiale fu un evento epocale; segnò profondamente l’anima dell’uomo occidentale tanto che si può dire che la storia del XX secolo inizi nel 1914. Infatti, l’intervento degli Stati Uniti d’America determinò il tramonto della centralità dell’Europa, la rivoluzione bolscevica portò il comunismo al potere in una nazione,  il crollo di quattro imperi plurinazionali (russo, austroungarico, tedesco e ottomano) segnò il trionfo del principio di nazionalità, che subito rischiò di declinarsi in nazionalismo.
Le trasformazioni sul piano economico e sociale avvenute nel corso del conflitto furono vissute dovunque in Europa come un trauma. Molti elementi culturali furono comuni a tutte le popolazioni coinvolte, anche a quelle divise da fronti opposti, tanto che è stata recentemente individuata un’unica “cultura di guerra” europea. I cinque lunghi anni di guerra lasciarono nei sopravvissuti un segno indelebile, capace di trasformare la memoria moderna. Il simbolo della guerra fu il fante in trincea, ma la prima guerra moderna di lunga durata fu vissuta e combattuta anche in quello che, da allora in poi, è noto come il “fronte interno”. La vita delle popolazioni civili mutò profondamente, cambiarono il sistema produttivo, il panorama politico, il volto della società e delle città.
Torino era lontana dal fronte combattuto, ma era centrale per la produzione bellica; fu  quindi dichiarata “zona di guerra” dopo la sommossa insurrezionale dell’agosto 1917, che rappresentò un unicum nel panorama nazionale per forme e dimensioni. Torino era una città industriale giovane, già in espansione ad inizio secolo, sebbene gli elementi di modernità si alternassero con fattori di arretratezza. Durante la guerra, che venne accolta tiepidamente, visse un dinamismo produttivo senza precedenti. La crescita industriale in termini di impianti e occupazione coinvolse numerosi settori, estrattivo, delle lavorazioni agricole, metallurgico, siderurgico, delle costruzioni, tessile, chimico, ma fu soprattutto quello metalmeccanico che diventò decisivo nell’apparato locale. Tuttavia, accanto a processi di ammodernamento e di innovazione tecnologica con ricadute in tempo di pace, la guerra fece riemergere forme di produzione protoindustriale, a causa dell’inefficienza dell’apparato statale deputato alla mobilitazione industriale. Le contraddizioni e le tensioni prodotte dalla nuova struttura socio-economica torinese emersero in tutta la loro gravità poco tempo dopo la firma della pace.
 

COLLABORATORI ED ENTI PATROCINANTI