affitta sale meeting

ricerca avanzata

Il Nostro Cartellone Culturale

2 Ottobre 2018, ore 21.00 Martedì Sera III serie 2018

LE PRIME APPLICAZIONI PRATICHE DELLA BLOCKCHAIN DOPO I BITCOIN

9 Ottobre 2018, ore 21.00 Martedì Sera III serie 2018

MENTI INSOLITE. RADIOGRAFIA DI CINQUE FEMMINICIDI

16 Ottobre 2018, eccezionalmente ore 18.00 Martedì Sera III serie 2018

BELLA ZIO

23 Ottobre 2018, eccezionalmente ore 19.00 Martedì Sera III serie 2018

ITALIA-EUROPA: QUALE FUTURO ECONOMICO-POLITICO?

Lunedì 26 maggio 2008 - ore 21.15

Torino fra Giolitti e Agnelli

Torino, 2000 anni - Ciclo Primavera 2008 

giovedì
Torino esce dalla crisi e si trasforma. Tra la fine dell’Ottocento e la guerra, la città conosce una crescita urbana e industriale che le attribuisce un ruolo decisivo nell’economia italiana. Cambia la società, attraverso un rapido incremento demografico, dovuto all’immigrazione dalla campagna, e un forte aumento del lavoro operaio.
Accanto a quelle già esistenti, nascono nuove e moderne industrie, destinate ad assumere un’importanza crescente, come nei settori idroelettrico e metalmeccanico. Muta anche l’offerta di istruzione, soprattutto nel campo tecnico e scientifico. Si istituisce il Politecnico e all’Università fioriscono gli studi economici.
A Torino, il nuovo corso liberale e industrialista di Giolitti e le aperture del socialismo riformista trovano per qualche anno interlocutori attivi in figure quali il sindaco Frola, Giovanni Agnelli, una borghesia imprenditoriale aperta e un sindacalismo combattivo, ma sensibile alla cultura industriale. Con l’approssimarsi della guerra, questo equilibrio entra in una crisi che si ripresenterà, aggravata, negli anni difficili del dopoguerra.

COLLABORATORI ED ENTI PATROCINANTI