affitta sale meeting

ricerca avanzata

Photo Gallery Eventi Trascorsi

ENZO DECARO DARIO VOLTOLINI MENTI INSOLITE. RADIOGRAFIA DI CINQUE FEMMINICIDI BEPPE CONTI CON FRANCO BALMAMION MENTI INSOLITE.RADIOGRAFIA DI CINQUE FEMMINICIDI
Lunedì 19 maggio 2008 - ore 21.15

Torino oltre la crisi

Torino, 2000 anni - Ciclo Primavera 2008 

giovedì Tra il 1889 e il 1894 l’economia torinese è in ginocchio per il coinvolgimento del sistema bancario nel crack speculativo edilizio che investe anche Giolitti e i vertici politici nazionali. Ma già un decennio dopo la città ha assunto un profilo industriale, con l’auto e la Fiat in posizione di punta.
La vicenda di Torino tra Otto e Novecento, con la transizione da una crisi profonda alla scoperta di una nuova identità, offre spunti d’attualità e spinge a chiedersi grazie a quali risorse la città si sia risollevata.
Per rispondere a quest’interrogativo la conferenza centra la propria attenzione sulla business community, cioè sull’insieme delle imprese e degli imprenditori uniti da relazioni sociali ed economiche. Attraverso la dislocazione degli uomini nei diversi Consigli d’amministrazione, i legami familiari e la comune appartenenza alla minoranza protestante, vengono ricostruite le reti di relazione tra gli imprenditori, le imprese e i settori e dunque anche le vie attraverso cui si muovono i capitali.
Ne emerge una Torino capace di reggere grazie a un nucleo di banchieri privati, a una rete di cotonieri protestanti per lo più svizzeri, e a un tessuto di boite, di piccole imprese meccaniche che per alcuni versi compongono un distretto. Ma sono determinanti anche l’avvento dell’elettricità, in cui Torino è all’avanguardia in Italia, e le banche miste come la Banca commerciale e il Credito italiano, mentre il decollo di inizio Novecento traina produzioni tradizionali come i saponi, il cioccolato, i liquori e la birra.
La città esce dunque dalla crisi grazie a forze diverse e con un profilo multiforme, non ancora schiacciato sulla monocoltura automobilistica, attraverso un percorso che si propone tra l’altro come utile termine di confronto con il presente.

COLLABORATORI ED ENTI PATROCINANTI