MENU

Centro Congressi UI

Un modello gestionale innovativo capace di rispondere ad ogni esigenza.


Offerta Culturale

MI PIACE IL VENTO PERCHE' NON SI PUO' COMPERARE - GIANNI AGNELLI in parole sue. A cura di Stefania Tamburello

giovedì


MARTEDI' 19 MARZO 2013, ORE 18
CENTRO CONGRESSI UNIONE INDUSTRIALE TORINO

Intervengono:

Giorgio Benvenuto 
Giuseppe Berta
Piero Fassino
Gianluigi Gabetti
Stefania Tamburello
Salvatore Tropea




Gianni Agnelli è stato forse l’uomo più rappresentativo dell’Italia dal Dopoguerra, e la sua storia personale si è intrecciata con quella del Paese. Erede e successore del nonno nella responsabilità della maggiore industria italiana, ma anche amante della vita, ha incarnato più di ogni altro lo spirito “familiare” e insieme internazionale dell’imprenditoria italiana ed è stato un protagonista straordinario della sua epoca.
Sull’Avvocato hanno scritto in molti mentre era in vita – spesso ai limiti dell’agiografia –, e assai raramente dopo la sua morte, senza approfondire la sua complessa figura di imprenditore e di ambasciatore dell’Italia all’estero. Per contribuire a colmare la lacuna, questo volume lo fa parlare direttamente, andando a cercare nei suoi tanti interventi e interviste.
L’obiettivo è fare emergere gli elementi di attualità del suo pensiero – pur nei profondi cambiamenti che la società multimediale e la grande crisi economica e finanziaria hanno determinato nel frattempo – per farlo conoscere ai più giovani, e aiutarli a capire i problemi e le questioni che ancora oggi caratterizzano il nostro Paese: dall’immobilismo sociale al debito pubblico, dall’opportunità di un’unione politica europea all’internazionalizzazione delle imprese. .
La raccolta è divisa in tre parti dedicate rispettivamente al ruolo internazionale di Agnelli – attorno ai due pilastri dell’atlantismo e dell’europeismo –, alla sua attività di capitano di industria e responsabile.
Fiat e, infine, all’uomo con le sue passioni. Tre profili per raccontarlo meglio, anche se si tratta di espressioni di una stessa realtà, in cui la passione non poteva fare a meno del senso di responsabilità, e questo della visione internazionale della vita.“Vi raccomando la Fiat”, disse accomiatandosi dall’impresa del Lingotto dopo trent’anni di presidenza. E oggi, a dieci anni dalla sua morte, non si può non porsi l’interrogativo sull’esito di quella sua esortazione. E riflettere sul futuro industriale dell’Italia.

Scopri questa sala

Sala Giovanni Agnelli

Sala conferenze con una capienza complessiva di 410 posti

Scopri di più


Potrebbero interessarti anche

Presentazione del libro I Torinesi di Osvaldo Guerrieri

giovedì Gente strana i Torinesi. Agli occhi del paese sono musoni, faticatori, obbedienti fino all’autolesionismo, squadrati come le vie della loro città. Poi si scopre che sanno essere anche...

Scopri di più

Workshop Elpe - L'impresa del futuro

Elpe Global Logistic Services, nata nel 1994, celebra quest’anno un importante anniversario. L’azienda torinese ha saputo evolversi nel tempo rispetto alle esigenze di un mercato sempre in...

Scopri di più

PILLOLE DI BORSA

giovedì Interverranno: Elena Motta, Direttore Commerciale Directa SimpaClaudia Porchietto, Assessore al Lavoro e Formazione Professionale Regione Piemonte Franca Audisio Rangoni, Presidente...

Scopri di più

COL DIAVOLO IN CORPO. Vite maledette da Amedeo Modigliani a Carmelo Bene

giovedì IL LIBRO  "Maudit": quando Paul Verlaine scrisse per primo la parola non definì un carattere ma creò una specie. Diede cittadinanza ai crudeli, agli eccessivi, ai distruttivi e...

Scopri di più
web site by NET BULL