MENU

Centro Congressi UI

Un modello gestionale innovativo capace di rispondere ad ogni esigenza.


Offerta Culturale

COSA TIENE ACCESE LE STELLE

giovedì

Storie di italiani che non hanno mai smesso di credere nel futuro
(Mondadori)

Incontro con Mario Calabresi
Interviene Elena Loewenthal

«Una sera di novembre del 1955 mia nonna, che aveva quarant'anni, riconquistò la libertà e si sentì felice: aveva preso in mano un libro ed era riuscita a leggere qualche pagina prima di addormentarsi.» Di solito Maria, la nonna di Mario Calabresi, andava a letto esausta, dopo una giornata spesa a lavare montagne di lenzuola e pannolini. Quella sera, quella in cui per la prima volta aveva usato la lavatrice, è stata, nei suoi ricordi, lo spartiacque tra il prima e il dopo. Oltre mezzo secolo più tardi ci siamo quasi dimenticati di quelle conquiste vissute così straordinariamente; oggi, anzi, il nichilismo, la sfiducia, il fatalismo sono gli umori e i sentimenti più diffusi nel Paese: gli anziani hanno nostalgia del passato, i giovani si rassegnano alla mancanza di prospettive, ed è comune la convinzione di essere capitati a vivere nella stagione peggiore della nostra Storia.

Per definire questo malessere e capire quale sia la strada per uscirne, Calabresi ha ricomposto i frammenti di un tempo in cui si faceva fatica a vivere ma era sempre accesa una speranza, e di un presente così paralizzato da non riuscire a mettere a fuoco l'esempio di chi non ha mai smesso di credere nel futuro.

«Per riprendere coraggio, per trovare ossigeno, mi sono rimesso a viaggiare nella memoria. Chi lo fa si sente immediatamente più forte: se ce l'hanno fatta loro, possiamo farcela anche noi.» Un grande viaggio nel vissuto del nostro Paese attraverso le storie di chi - scienziati, artisti, imprenditori, giornalisti e persone comuni - è stato capace di inseguire i propri sogni, affrontando a testa alta le sfide collettive e individuali del mondo di oggi. C'è chi è riuscito a offrire una speranza per i malati incurabili, chi è diventato un prestigioso astronomo e spera ancora di vedere l'uomo su Marte, chi ha trasformato la sua tesi di laurea in un'azienda californiana di successo, e chi ha deciso di cambiare il proprio destino giocando l'unica carta a sua disposizione, lo studio. Per intuire che in mezzo allo sconforto diffuso la strada esiste, perché coltivando le proprie passioni non si rimane delusi e perché la libertà si conquista, anche, con la volontà. Per scoprire un giacimento di vita, energia e coraggio, un luogo in cui «le stelle si sono accese per guidare il cammino degli uomini, la loro fantasia, i loro sogni, per insegnarci a non tenere la testa bassa, nemmeno quando è buio».

Scopri questa sala

Sala Giovanni Agnelli

Sala conferenze con una capienza complessiva di 428 posti

Scopri di più


Sempre in questa Sala

Il tesoro nascosto

Martedì 26 marzo, ore 21.00, Alessandro Battaglino, presidente Barricalla SpA, interverrà sul tema dei rifiuti e del riciclo insieme a Maurizio Onofrio, docente del Politecnico di...

Scopri di più

Potrebbero interessarti anche

Il tesoro nascosto

Martedì 26 marzo, ore 21.00, Alessandro Battaglino, presidente Barricalla SpA, interverrà sul tema dei rifiuti e del riciclo insieme a Maurizio Onofrio, docente del Politecnico di...

Scopri di più

Il Museo Nazionale d'Artiglieria di Torino. Storia e tradizione

Michele Corrado, direttore del Museo Nazionale d’Artiglieria di Torino condurrà il pubblico in un viaggio virtuale ne “Il Museo Nazionale d’Artiglieria di Torino. Storia e...

Scopri di più

Nuovi Scenari per le relazioni sindacali e la contrattazione collettiva

L'evento è dedicato all'analisi dell'evoluzione delle relazioni di lavoro con particolare riguardo ai contratti di prossimità attraverso una ricognizione delle norme e...

Scopri di più

Quale Europa ci aspetta?

Il ciclo di eventi serali terminerà eccezionalmente giovedì 4 aprile, alle ore 18.30. Una tavola rotonda con Licia Mattioli, Vice Presidente di Confindustria con delega...

Scopri di più