MENU

Centro Congressi UI

Un modello gestionale innovativo capace di rispondere ad ogni esigenza.


Offerta Culturale

IL CANALE CAVOUR. 150 ANNI DI BENESSERE

Ad aprire il ciclo con “Il Canale Cavour. 150 anni di benessere”, sarà Irene Cabiati, giornalista del quotidiano La Stampa. Insieme a lei lo storico Walter Barberis per celebrare il 150° anniversario della costruzione della  grande infrastruttura idraulica, nata dalla visione lungimirante del famoso statista piemontese che trasformò l’agricoltura e l’industria della zona.  
Il calendario degli eventi per la celebrazione dell’anniversario è iniziato a febbraio a Vercelli per poi proseguire a Chivasso, con una mostra fotografica. L’opera promossa da Camillo Cavour, fu realizzata in tre anni soltanto, dal 1863 al 1866. Nel suo percorso di 86 km alimenta una rete irrigua di 20 mila km e fin dalla sua apertura portò beneficio alle popolazioni del Vercellese, Novarese e della Lomellina, le terre che oggi costituiscono il triangolo d’oro del riso.
Nel catalogo - 140 foto illustrano minuziosamente il percorso del Canale - che correda l'omonima mostra, curata con Federico Bollarino, Irene Cabiati racconta la storia del Canale a cominciare dagli antefatti storici di cui sono stati protagonisti l'ideatore, Francesco Rossi, il progettista, Carlo Noè e Camillo Benso di Cavour, che fu tra i promotori del progetto, ma che morì prima che i lavori fossero avviati. L’opera era evidentemente il frutto di due culture: una economica e l’altra ingegneristica che avevano trovato in Cavour  un  pioniere. Uno dei capitoli è dedicato alla gestione delle acque, affidata alle Associazioni di Irrigazione Ovest Sesia di Vercelli e Est Sesia di Novara e all'appassionato lavoro degli acquaioli che garantiscono il necessario flusso a ogni campo. E' questa la peculiarità principale del Canale che nasce a Chivasso, prelevando le acque del Po, immettendosi nel Ticino dopo 86 chilometri, diramandosi su una rete irrigua di circa 20 mila chilometri. L'impianto architettonico con i suoi edifici di presa e di scarico è maestoso: nel catalogo sono pubblicati i disegni originali, forniti dall'Archivio Storico delle Acque di Novara, le foto d'epoca scattate durante i lavori e alcune pagine del quotidiano La Stampa che a quel tempo usciva come Gazzetta Piemontese. Non mancano le riflessioni sul mutamento del paesaggio, le minacce dell'inquinamento, l'uso dell'acqua anche per produrre energia idroelettrica.

Scopri questa sala

Sala Giovanni Agnelli

Sala conferenze con una capienza complessiva: - 410 posti PRE COVID-19 - 198 + 2 persone diversamente abili POST COVID-19

Scopri di più


Sempre in questa Sala

Che fine hanno fatto i bambini? Cronache di un Paese che non guarda il futuro

Il secondo appuntamento, mercoledì 28 aprile alle ore 15.00, vedrà protagonista la giornalista di Repubblica, Annalisa Cuzzocrea, che è anche una mamma e come molte altre, in...

Scopri di più

Potrebbero interessarti anche

Che fine hanno fatto i bambini? Cronache di un Paese che non guarda il futuro

Il secondo appuntamento, mercoledì 28 aprile alle ore 15.00, vedrà protagonista la giornalista di Repubblica, Annalisa Cuzzocrea, che è anche una mamma e come molte altre, in...

Scopri di più

Ma la sabbia non ritorna

Il terzo incontro, mercoledì 5 maggio alle ore 15.00, prenderà il titolo dall’omonimo libro che sarà presentato dalla stessa autrice, Laura Calosso, “Ma la sabbia...

Scopri di più

Fare profitti. Una riflessione sul ruolo dell'impresa nella società

Il primo incontro, martedì 20 aprile 2021 alle ore 15.00 vedrà ospite Franco Debenedetti a colloquio con Elsa Fornero e Giorgio Barba Navaretti, i quali a partire dal nuovo libro...

Scopri di più

Il gioco delle ultime volte

Martedì 11 maggio, ore 15.00, trascorreremo il pomeriggio in compagnia di Margherita Oggero che presenterà “Il gioco delle ultime volte”, edito da Einaudi. Insieme a lei...

Scopri di più
web site by NET BULL