MENU

Centro Congressi UI

Un modello gestionale innovativo capace di rispondere ad ogni esigenza.


Offerta Culturale

RODOLFO VALENTINO. LA SEDUZIONE DEL MITO. Cinema, Cultura, Società tra Italia e USA negli anni Venti

giovedì


Primo grande divo della storia del cinema, Rodolfo Valentino muore a soli trentun anni il 23 agosto 1926. Da quel momento, la sua figura leggendaria diventa oggetto di studi e biografie, di film ed evocazioni letterarie, di riletture musicali e teatrali. La sua personalità, tuttavia, resta ancora oggi circondata da un alone di mistero. 
Chi era veramente Valentino? Durante la sua rapida e incredibile carriera e nel periodo immediatamente successivo alla sua scomparsa, giornalisti più o meno pettegoli, biografi spregiudicati, opinionisti, polemisti ecc. cercarono di rispondere a questa domanda, proponendo spesso definizioni parziali e contraddittorie del giovane divo: un attore di talento o solo un individuo molto bello, un pessimo italiano o un sincero patriota, un disinvolto seduttore o un gentiluomo sfortunato in amore, un “piumino da cipria” o un uomo virile... 
Questi tentativi di risposta coinvolgono anche l’Italia, dove dai primi anni Venti e per almeno un decennio, si alimenta intorno a Valentino una crescente attenzione della stampa e una fitta produzione editoriale.

Grazie alla felice collaborazione tra l’Università di Torino e il Museo Nazionale del Cinema, custode di un’eccezionale collezione valentiniana, ritornano qui visibili oltre duecento documenti d’epoca in lingua italiana: scritti attribuiti a Valentino, false autobiografie, affettuosi ricordi di amici e parenti, appassionate lettere d’amore di ammiratrici, brani teatrali, cronache e racconti, aneddoti e recensioni di film, elogi e invettive, poesie e canzoni, contributi di intellettuali noti e meno noti (da Paolo Buzzi a Cesare Zavattini, da Anton Giulio Bragaglia a Matilde Serao).
Un viaggio di imprevedibile ricchezza e singolarità dentro uno dei miti più seducenti del ventesimo secolo.

Scopri questa sala

Sala Giovanni Agnelli

Sala conferenze con una capienza complessiva di 410 posti

Scopri di più


Sempre in questa Sala

Artrosi: malattia degenerativa invalidante

L’osteoartrosi è la più comune malattia cronica della popolazione ed è la più frequente causa di disabilità dell’anziano. Si calcola che...

Scopri di più

Potrebbero interessarti anche

L'altro suono dell'ombra

Il protagonista è Gregorio Fracchia, giovanissimo e talentuoso musicista, classe 1996, suona la chitarra da quando ha 6 anni. E' anche esordiente scrittore e presenterà il suo...

Scopri di più

Le notti di Kos

Elena D’Ambrogio Navone, a colloquio con il Professore Gianni Oliva, presenterà “Le notti di Kos”, pubblicato da Cairo Editore, romanzo di storie al femminile di una...

Scopri di più

Il secolo dei giganti: Leonardo, Michelangelo e Raffaello

Il 24 febbraio ore 15.00 Antonio Forcellino, tra i maggiori studiosi di arte rinascimentale, restauratore di opere di valore assoluto –tra i quali il Mosè di Michelangelo e...

Scopri di più

Artrosi: malattia degenerativa invalidante

L’osteoartrosi è la più comune malattia cronica della popolazione ed è la più frequente causa di disabilità dell’anziano. Si calcola che...

Scopri di più
web site by NET BULL