MENU

Centro Congressi UI

Un modello gestionale innovativo capace di rispondere ad ogni esigenza.


Offerta Culturale

I CONTI CON LA STORIA. Per capire il nostro tempo

giovedì
Lo storico ha il compito di trasmettere la memoria, il dovere di ricordare. Quando, invece, è necessario dimenticare? Quando l’oblio diventa una virtù essenziale a ricomporre una comunità? Nell’Atene del V secolo, dopo il regime dei Trenta Tiranni, venne imposto il Patto dell’oblio, che vietava di “rivangare il passato” anche a quei cittadini che avrebbero avuto tutti i titoli per vendicarsi, “anteponendo alle rivalse private la salvezza della città”. Da allora sono state innumerevoli le volte in cui la storia ci ha imposto di dimenticare, di concederci una sospensione della memoria per rimettere le cose in ordine, sia pure in un ordine provvisorio. Oggi, dopo la fine del Novecento – il secolo delle febbri ideologiche e delle grandi passioni politiche –, fare i conti con la nostra memoria condivisa è diventato più che mai necessario. Perché la scomparsa di fascismo e comunismo non ha significato la fine dell’uso politico del passato: “Nuove dottrine e nuovi radicalismi sono entrati in campo e si sono mescolati con quel che rimaneva delle vecchie fedi; tutte insieme poi hanno viziato l’aria, rendendo impossibile agli analisti e ai raccontatori del passato di prendere il fiato necessario per un’impresa che potesse dirsi di grande respiro”. Queste pagine attraversano oltre due millenni di storia, di storie e di uomini, ma anche di interpretazioni, errori di valutazione e menzogne. Dalla Firenze di Savonarola alla Roma fascista, dall’inquisizione allo schiavismo, da Giuda a Napoleone, l’autore intraprende un viaggio coraggioso e appassionato nella memoria intermittente, con la convinzione che, se saremo capaci di fare i conti con la storia senza preconcetti o pregiudizi, ci imbatteremo in non poche sorprese e forse saremo in grado di “ritrovare una base comune da cui avventurarci nella ricerca sul passato”.

Paolo Mieli (Milano, 1949), giornalista e storico, negli anni Settanta allievo di Renzo De Felice e Rosario Romeo, è stato giornalista all'"Espresso", poi a "Repubblica" e alla "Stampa", di cui è stato anche direttore. Dal 1992 al 1997 ha diretto il "Corriere della Sera"; attualmente è vicepresidente di RCS Mediagroup. Le sue ultime opere pubblicate da Rizzoli sono Storia e politica (2001) e La goccia cinese (2002).


Scopri questa sala

Sala Giovanni Agnelli

Sala conferenze con una capienza complessiva di 410 posti

Scopri di più


Sempre in questa Sala

Ipoacusia e acufeni: la riabilitazione

A discuterne il dr. SERGIO RIGARDO, Specialista in Medicina Fisica e Riabilitazione, Direttore Tecnico Fisiokinesiterapia LARC MOMBARCARO, il dr. PAOLO PORCU', Specialista in...

Scopri di più

Potrebbero interessarti anche

LE DANNATE

Le dannate (Mondadori). Lo stesso autore ha definito con le seguenti parole la storia che ha scelto di raccontare:  «Ci sono storie che scegliamo noi di raccontare, le selezioniamo tra...

Scopri di più

Mario Soldati. La gioia di vivere

Lo scrittore Pier Franco Quaglieni presenta il suo libro dedicato all’amico Mario Soldati, una lettura a cura di Anna Abate. Già nel titolo, “Mario Soldati. La gioia di...

Scopri di più

Anni di piombo e di tritolo

In un racconto drammatico e articolato, Gianni Oliva ripercorre la stagione degli attentati a mano armata del terrorismo «rosso» e delle stragi «nere». E ricostruisce...

Scopri di più

IL VIOLINO DI MUSSOLINI

Il violino di Mussolini (Bompiani). Questo terzo appuntamento è un'occasione per fermare il tempo e immergersi in una storia dall'atmosfera romantica quanto storica. Libri e...

Scopri di più
web site by NET BULL