MENU

Centro Congressi UI

Un modello gestionale innovativo capace di rispondere ad ogni esigenza.


Offerta Culturale

La svolta della grande guerra

giovedì La prima guerra mondiale fu un evento epocale; segnò profondamente l’anima dell’uomo occidentale tanto che si può dire che la storia del XX secolo inizi nel 1914. Infatti, l’intervento degli Stati Uniti d’America determinò il tramonto della centralità dell’Europa, la rivoluzione bolscevica portò il comunismo al potere in una nazione,  il crollo di quattro imperi plurinazionali (russo, austroungarico, tedesco e ottomano) segnò il trionfo del principio di nazionalità, che subito rischiò di declinarsi in nazionalismo.
Le trasformazioni sul piano economico e sociale avvenute nel corso del conflitto furono vissute dovunque in Europa come un trauma. Molti elementi culturali furono comuni a tutte le popolazioni coinvolte, anche a quelle divise da fronti opposti, tanto che è stata recentemente individuata un’unica “cultura di guerra” europea. I cinque lunghi anni di guerra lasciarono nei sopravvissuti un segno indelebile, capace di trasformare la memoria moderna. Il simbolo della guerra fu il fante in trincea, ma la prima guerra moderna di lunga durata fu vissuta e combattuta anche in quello che, da allora in poi, è noto come il “fronte interno”. La vita delle popolazioni civili mutò profondamente, cambiarono il sistema produttivo, il panorama politico, il volto della società e delle città.
Torino era lontana dal fronte combattuto, ma era centrale per la produzione bellica; fu  quindi dichiarata “zona di guerra” dopo la sommossa insurrezionale dell’agosto 1917, che rappresentò un unicum nel panorama nazionale per forme e dimensioni. Torino era una città industriale giovane, già in espansione ad inizio secolo, sebbene gli elementi di modernità si alternassero con fattori di arretratezza. Durante la guerra, che venne accolta tiepidamente, visse un dinamismo produttivo senza precedenti. La crescita industriale in termini di impianti e occupazione coinvolse numerosi settori, estrattivo, delle lavorazioni agricole, metallurgico, siderurgico, delle costruzioni, tessile, chimico, ma fu soprattutto quello metalmeccanico che diventò decisivo nell’apparato locale. Tuttavia, accanto a processi di ammodernamento e di innovazione tecnologica con ricadute in tempo di pace, la guerra fece riemergere forme di produzione protoindustriale, a causa dell’inefficienza dell’apparato statale deputato alla mobilitazione industriale. Le contraddizioni e le tensioni prodotte dalla nuova struttura socio-economica torinese emersero in tutta la loro gravità poco tempo dopo la firma della pace.
 

Scopri questa sala

Sala Giovanni Agnelli

Sala conferenze con una capienza complessiva di 428 posti

Scopri di più


Sempre in questa Sala

Il tesoro nascosto

Alessandro Battaglino, presidente Barricalla SpA, interverrà sul tema dei rifiuti e del riciclo insieme a Maurizio Onofrio, docente del Politecnico di Torino, Dipartimento di Ingegneria...

Scopri di più

Potrebbero interessarti anche

Il mistero dell'Arca. Un affascinante mito dell'umanità

Francesco Cordero di Pamparato, insieme alla giornalista Cinzia Galletto, parlerà de “Mistero dell’Arca. Un affascinante mito dell’umanità”. Francesco...

Scopri di più

Nuovi Scenari per le relazioni sindacali e la contrattazione collettiva

L'evento è dedicato all'analisi dell'evoluzione delle relazioni di lavoro con particolare riguardo ai contratti di prossimità attraverso una ricognizione delle norme e...

Scopri di più

Industriarsi per vincere. Le imprese e la Grande Guerra

Carlo Robiglio, presidente nazionale Piccola Industria, con il Generale di Brigata Roberto De Masi, Capo di Stato Maggiore dell’Istituto di Formazione  e Andrea Pozzetta, ...

Scopri di più

XXV World Congress & International Postgraduate Course

XXV WORLD CONGRESS & POSTGRADUATE COURSE September 16 @ 8:00 am - September 20 @ 5:00 pm   The 25th Jubilee Postgraduate Course and World Congress of the International Society...

Scopri di più