MENU

Centro Congressi UI

Un modello gestionale innovativo capace di rispondere ad ogni esigenza.


Offerta Culturale

La nostra casa felice

L’appuntamento successivo cadrà nuovamente di lunedì 12 ottobre sempre alle ore 15.00 e l’ospite sarà Serena Uccello, vicecaposervizio al Sole 24 Ore, attualmente lavora per la redazione online: scrive di Cultura ed è social media editor. Insieme a lei Filomena Greco, giornalista de Il Sole 24 Ore. Il libro che sarà al centro della chiacchierata pomeridiana sul palco di Via Vela, è “La nostra casa felice”, edito da Giulio Perrone Editore. Da sempre sensibile a temi di carattere sociale, l’esordio letterario di Serena Uccello parla di violenza, di crimine e di un inestricabile intreccio tra mondi diversi, quello della polizia e quello della malavita.
Argentina è una poliziotta in servizio alla squadra mobile di Reggio Calabria e si occupa di intercettazioni. Ascolta parole ma soprattutto silenzi, li interpreta, coglie le connessioni, sviluppa indagini. Assegnata al gruppo ricerca latitanti entra nelle case, nelle vite. A un tratto nelle indagini di Argentina entra Nunzia. Quasi coetanee, Nunzia è infatti la figlia di Gregorio boss della Piana di Gioia Tauro. Argentina ha partecipato alle indagini che hanno portato alla cattura di Gregorio e alla fuga di Domenico, fratello di Nunzia. Così, per inseguire quest’ultimo Argentina comincia ad “ascoltare” Nunzia. Impara a conoscerla. In progressione le domande di Nunzia cominciano a essere i dubbi di Argentina. Le incertezze dell’una diventano parte dell’altra. Argentina entra in Nunzia, Nunzia entra in Argentina. Nunzia dopo l’arresto del padre e la latitanza del fratello viene risucchiata dagli affari della famiglia e si rende conto che rischia di perdere i figli. Ed è proprio la figlia Miriam con il suo comportamento “puro” a mettere in crisi la madre. Più cresce la crisi di Nunzia, più matura l’inquietudine di Argentina. Prima piccoli segnali, poi quasi certezze. Chi è realmente l’uomo che le sta affianco? Nunzia deve salvare i figli dalla contaminazione nel momento in cui Argentina sente che la contaminazione sta entrando nella sua casa, nella sua vita.
Ma quando la violenza, criminale, permea ogni aspetto del vivere, quale salvezza può esserci?

 

L'ingresso è consentito previa registrazione nominativa e scarico del biglietto e i posti sono limitati a causa dei distanziamenti previsti dalle norme vigenti per garantire la sicurezza di tutti i presenti.
Le sale e gli spazi del Centro Congressi sono periodicamente sanificate come da protocollo anti contagio.

 

Scopri questa sala

Sala Giovanni Agnelli

Sala conferenze con una capienza complessiva: - 410 posti PRE COVID-19 - 198 + 2 persone diversamente abili POST COVID-19

Scopri di più


Sempre in questa Sala

Il gioco delle ultime volte

Martedì 11 maggio, ore 15.00, trascorreremo il pomeriggio in compagnia di Margherita Oggero che presenterà “Il gioco delle ultime volte”, edito da Einaudi. Insieme a lei...

Scopri di più

Potrebbero interessarti anche

Che fine hanno fatto i bambini? Cronache di un Paese che non guarda il futuro

Il secondo appuntamento, mercoledì 28 aprile alle ore 15.00, vedrà protagonista la giornalista di Repubblica, Annalisa Cuzzocrea, che è anche una mamma e come molte altre, in...

Scopri di più

Ma la sabbia non ritorna

Il terzo incontro, mercoledì 5 maggio alle ore 15.00, prenderà il titolo dall’omonimo libro che sarà presentato dalla stessa autrice, Laura Calosso, “Ma la sabbia...

Scopri di più

La moda della vacanza

L’ultimo incontro, martedì 25 maggio ore 15.00, celebrerà il periodo dell’anno che da sempre mette d’accordo adulti e piccini, mariti e mogli, genitori e figli: il...

Scopri di più

Il gioco delle ultime volte

Martedì 11 maggio, ore 15.00, trascorreremo il pomeriggio in compagnia di Margherita Oggero che presenterà “Il gioco delle ultime volte”, edito da Einaudi. Insieme a lei...

Scopri di più
web site by NET BULL