MENU

Centro Congressi UI

Un modello gestionale innovativo capace di rispondere ad ogni esigenza.

Offerta Culturale

Cesare Pavese, 1908-2008

giovedì Cesare Pavese Biografia:Cesare Pavese nasce il 9 settembre 1908 a Santo Stefano Belbo (Cn). Il padre muore quando il piccolo Cesare ha appena sei anni: questo episodio incide molto sul suo carattere già timido e introverso. Dopo gli studi classici al liceo D'Azeglio (è allievo di Augusto Monti), si iscrive alla Facoltà di Lettere, dove si laurea a soli 22 anni con una tesi su Walt Withman.
Mettendo a frutto i suoi studi di letteratura inglese si dedica a un'intensa attività di traduzioni di scrittori americani (Sinclair Lewis, Hermann Melville, Sherwood Anderson) e di insegnamento. La situazione politica italiana è diventata tuttavia molto difficile per Pavese: durante gli anni universitari era infatti entrato in contatto con intellettuali antifascisti di spicco, come Norberto Bobbio, Massimo Mila e Giulio Einaudi e Leone Ginzburg. Dopo l'arresto di Leone Ginzburg, anche Pavese viene condannato al confino e passa un anno a Brancaleone Calabro (un'esperienza che ispirerà "Il carcere"), dove inizia a scrivere "Il mestiere di vivere". Intanto nel 1934 diventa direttore della rivista "Cultura" edita da Einaudi.
Tornato a Torino pubblica la sua prima raccolta di versi, "Lavorare stanca" (1936) e collabora attivamente con la casa editrice Einaudi.
Il periodo compreso tra il 1936 e il 1949 la sua produzione letteraria è ricchissima. Alla fine della guerra pubblica sull'Unità "I dialoghi col compagno"; nel 1950 pubblica il capolavoro "La luna e i falò", vincendo nello stesso anno il Premio Strega con "La bella estate".
Il 27 agosto 1950, in una camera d'albergo a Torino, Cesare Pavese, a soli 42 anni, si toglie la vita. Lascia scritto a penna sulla prima pagina di una copia de "I dialoghi con Leucò", prefigurando il clamore che la sua morte avrebbe suscitato: "Perdono a tutti e a tutti chiedo perdono. Va bene? Non fate troppi pettegolezzi".
Bibliografia
Poesia
Lavorare stanca, 1936
Verrà la morte e avrai i tuoi occhi, 1950
Il mestiere di vivere (1935 - 1950) , 1952
Poesie del disamore e altre poesie disperse (1931 - 1940), 1962
Poesie edite ed inedite, 1962
Narrativa
Paesi tuoi, 1941
La spiaggia, 1942
Feria d'agosto, 1946
Il compagno, 1947
Dialogbi con Leucò, 1947
Prima cbe il gallo canti, 1948
La bella estate, 1949
La luna e í falò, 1950

Scopri questa sala

Sala Giovanni Agnelli

Sala conferenze con una capienza complessiva di 410 posti

Scopri di più


Sempre in questa Sala

Ambiente e salute: una relazione da riconsiderare

Il terzo e ultimo incontro, martedì 27 ottobre sempre alle ore 21.00, darà spazio a un interessante dibattito – “Ambiente e salute: una relazione da riconsiderare” -...

Scopri di più

Potrebbero interessarti anche

Le nevi di Gobetti

Il quarto appuntamento, lunedì 23 novembre alle ore 15.00, sarà dedicato alla presentazione del libro di Bruno Quaranta, “Le nevi di Gobetti”, edito da Passigli Editore....

Scopri di più

La guerra fascista

Lunedì 30 novembre, sempre alle ore 15.00, il palco della Sala Agnelli sarà occupato da un solo ospite che conosce molto bene i nostri spazi e riesce sempre a intrattenerci grazie...

Scopri di più

Il secolo dei giganti: Leonardo Michelangelo e Raffaello

Lo spazio di lunedì 26 ottobre, alle ore 15.00, sarà dedicato a un ospite molto atteso, l’architetto Antonio Forcellino, tra i maggiori studiosi di arte rinascimentale,...

Scopri di più

Ambiente e salute: una relazione da riconsiderare

Il terzo e ultimo incontro, martedì 27 ottobre sempre alle ore 21.00, darà spazio a un interessante dibattito – “Ambiente e salute: una relazione da riconsiderare” -...

Scopri di più
web site by NET BULL